presse_piegatrici_mani_vicla

Magazine

Pressa piegatrice: da che cosa dipende la qualità del piegato

Pressa piegatrice da che cosa dipende la qualità del piegato

Una pressa costruita a regola d'arte, con numerosi controlli dei parametri di processo e allarmi che segnalano la deriva di alcuni di essi, permette di mantenere un livello costante di qualità del piegato, ma c'è molto altro da mettere in conto.

 

La variabile del ritorno elastico

 

Partiamo dalla piegatura della lamiera: si tratta di un materiale con numerose variabili alla risposta della piegatura per taglio al laser, al plasma, tolleranze di grandezza e via dicendo. Ogni volta ci si trova davanti un pezzo diverso e occorre anche pensare all'estetica se si tratta di materiali quali lamiere preverniciate e acciaio. Per chi opera alla pressa piegatrice tutto ha a che fare con quella variabile formatrice sempre presente: il ritorno elastico. Si tratta di una variabile che si verifica quando il materiale tenta angolarmente di ritornare alla sua forma originale dopo essere stato piegato. La resistenza alla trazione e lo spessore del materiale, il tipo di attrezzatura e di piegatura influiscono naturalmente sul ritorno elastico. La previsione e la contabilizzazione efficienti del ritorno elastico sono fondamentali, soprattutto quando si lavora con curve a raggio profondo, nonché con materiale spesso e ad alta resistenza

 

Lo sviluppo dei pezzi da piegare

Durante la fase di piegatura si hanno normalmente delle deformazioni del materiale. La lunghezza del pezzo che si deve piegare non coincide naturalmente con quella delle fibre del pezzo piegato: così le fibre che ne conservano la linea originaria (altrimenti detta neutra) sono quelle spostate verso l'interno della curva, dipendendo la loro posizione da vari fattori quali lo spessore della lamiera, il raggio di curvatura e la qualità del materiale. Sono questi ultimi fattori che permettono la determinazione dello sviluppo del pezzo da piegare.

 

Gli utensili

Sono disponibili molte tipologie di utensili per presse piegatrici, come utensili raggiati, a collo di cigno e piegaschiaccia, per i quali il limite di carico diventa un fattore decisivo. Ci sono due limiti da considerare: il limite che lo strumento stesso può sopportare e il limite di carico della pressa piegatrice sulla linea centrale. Quando si tratta di utensili, si dovrebbe essere molto attenti alla scelta dell'utensile corretto nonché al carico che l'utensile stesso può sopportare. Succede che spesso si arrivi a lavorare al limite di carico degli utensili rischiando di creare danni ai punzoni e alle matrici. Per evitare quindi di danneggiare gli utensili o ancor peggio la pressa piegatrice, i limiti di carico dovrebbero essere sempre rispettati.

 

La pulizia

Le particelle di sporco possono entrare nel circuito idraulico a causa di una chiusura insufficiente, bisogna dunque assicurarsi che le guarnizioni del coperchio del serbatoio e gli sfiati d'aria siano in buone condizioni. Gli sfiatatoi sono montati sul coperchio del serbatoio e consentono il flusso d'aria nel serbatoio quando si pompa olio sui cilindri, impedendo la creazione del vuoto all’interno dello stesso. Problemi e irregolarità nel funzionamento della pompa e delle valvole possono verificarsi se è presente dello sporco nell’olio. La maggior parte dei problemi con il circuito idraulico sono infatti legati all'olio contaminato, che può causare l'inceppamento delle valvole in posizione “on o off”. Ne consegue che anche la pulizia degli utensili acquisisca una notevole importanzapolvere, olio, detriti, trucioli e altro materiale che via via si attacca possono infatti graffiare le superfici di ciò che si andrà a lavorare.

Come scegliere la pressa piegatrice