SU VICLA.EU UNO SPAZIO DEDICATO ALLE CASE HISTORY.

ECCO LA NUOVA SEZIONE VICLA® CON LE OPINIONI E I CONSIGLI DI CHI HA SCELTO LE NOSTRE PRESSE PIEGATRICI.

La soddisfazione dei clienti è primo motivo di orgoglio: ecco la sezione dedicata alle Case History VICLA®. Le macchine che tutti i giorni produciamo sono per noi oggetti preziosi. Così preziosi che tutte le volte che ci lasciano ne sentiamo quasi la mancanza. È nata così una nuova sezione nel sito vicla.eu dedicata alle Case History dei clienti VICLA® che ci hanno appena scelto. Con opinioni utili per valutare il loro grado di soddisfazione al fine di continuare a migliorarci. E, naturalmente, per sentirci un po’ più vicini alle nostre macchine che, come figli, si allontanano da casa per realizzarsi altrove. Vi aspettiamo su vicla.eu

Cosa permette di fare una piegatrice 4.0 e perché può migliorare la produzione

Posted by VICLA on 6 nov 2018

Anche le piegatrici 4.0 sono parte dal famoso Piano Industria 4.0 varato dal Mise (Ministero per lo Sviluppo Economico) nel 2016. Ora si chiama Piano Impresa 4.0, ma l’obiettivo non è cambiato: dotare didiversi incentivi le aziende allo scopo di dare loro ossigeno e ridare slancio all'economia. 

 

 

NON BASTA DIRE 4.0 PER AVERE “LA” PRESSA 

Alcuni costruttori cercano di anticipare i cambiamenti, basandosi sul fatto che le presse piegatrici nascono già con determinate caratteristiche che possono portarle verso i parametri dell'Industria 4.0, ma si scontrano con i pareri discordanti di altri che affermano che “Parlare di Industria 4.0 in questo settore è indubbiamente più difficile se ci confrontiamo con taglio laser, punzonatura e pannellatura”. Vediamo dunque quali sono le caratteristiche che rendono una pressa 4.0: 

  • Cncdirettamente collegato alla rete aziendale con programmazione da ufficio; 
  • l'elevata dotazione di sicurezza; 
  • la teleassistenza;
  • collegamento diretto con l’ERP aziendale.

 

 

PRESSA E UTENSILI 

Quando si tratta di piegare lamiere di acciaio dando loro una forma finita personalizzata a seconda delle varie applicazioni, la precisione del risultato di piega è fondamentale: se le pieghe non sono fatte con accuratezza, allora il prodotto finale semplicemente non risulterà corretto al disegno. Uno scenario particolarmente rilevante per gli utilizzatori che piegano parti complesse, per le quali, durante il processo di piegatura, anche piccole incoerenze possono rovinare un'intera serie di particolari. Quando si tratta di utensili, molto importante è scegliere il corretto abbinamento tra punzone e matrice, valutare i raggi di piega  e la portata degli utensili stessi. Comunque sia il controllo numerico permette di controllare ed avvisare in caso di scelte non corrette avendo al suo interno già configurate le caratteristiche dei principali costruttori di utensili. 

 

 

LA FORZA DELLA LAMIERA 

Per un ottimo risultato di piegatura che non comporti nessuno spreco di materiale però, non bisogna tenere conto solo della pressa. Standard Industry 4.0 o meno, occorre tenere conto che l'acciaio è un materiale vivo, che si piega secondo una direzione ben precisa ma che impone particolare attenzione al suo il ritorno elastico e, di conseguenza, alla forza che si impiega durante la piegatura. Per chi opera alla pressa il ritorno elastico èuna variabile che si verifica quando il materiale, dopo essere stato piegato, tenta angolarmente di ritornare alla sua forma originale. Il ritorno elastico può tuttavia aumentare in modo molto considerevole, poiché il raggio interno della curva aumenta in relazione allo spessore del materiale. I nuovi acciai ad alta resistenza (detti alto resistenziali) hanno, ad esempio, una maggiore quantità di ritorno elastico rispetto agli acciai dolci di base, ai tipi di acciaio inossidabile e a molti tipi di alluminio. 

 

 

TAGLIO DEI COSTI E LAVORI PIÙ PRECISI 

Il vantaggio più evidente legato all’utilizzo di piegatrici 4.0 riguarda quindi, oltre agli aspetti ecologici e di risparmio energetico, la possibilità di integrarle nel sistema informatico della fabbrica al fine di gestire tutto il processo produttivo in maniera moderna e sempre più automatizzata. Le presse piegatrici elettriche eliminano la necessità di olio idraulico e possono ridurre i costi energetici. Una maggiore efficienza ha contribuito a stimolare l'interesse per i progetti elettrici e ibridi da parte dei fabbricanti, Per molti di loro infatti, la tranquillità è data dalla consapevolezza che le loro presse piegatrici produrranno piegature a precise specifiche senza la necessità di regolazioni dovute a variazioni della temperatura dell'olio, una ragione più che sufficiente per passare a un sistema elettrico o ibrido. Per gli altri, le frustrazioni che hanno sopportato con piegature imprecise, come costi e stress non necessari, costituiscono un motivo di spinta verso l’Industria 4.0. In termini più semplici, le presse piegatrici ibride ed elettriche possono aiutare i fabbricanti a semplificare notevolmente le operazioni a valle, risparmiando tempo e denaro e aumentando la soddisfazione dei clienti.  

Precisione e risparmio di energia spingono dunque i costruttori a investire in presse piegatriciibride, che richiedono molta meno manutenzione poiché utilizzano un numero significativamente minore di valvole e olio, o elettriche, che addirittura sono esenti da olio.

 Come scegliere la pressa piegatrice

 

Topics: Pressa piegatrice, Industria 4.0